I comuni rappresentati

Data ultimo aggiornamento

Lunedì, 22 Luglio 2013

Agenzie affari

Definizione

Per Agenzie pubbliche o Uffici pubblici di affari si fa riferimento alle imprese che si offrono come intermediarie nell’assunzione o trattazione di affari altrui, prestando la propria opera a chiunque ne faccia richiesta, con l’esclusione di quelle attività di intermediazione che siano già soggette a una specifica disciplina di settore (es. agenzie disbrigo pratiche automobilistiche, agenzie di viaggio, agenzie immobiliari).

Normativa

  1. R.D. 18 giugno 1931 n. 773Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza(art. 115);
  2. R.D. 6 maggio 1940 n. 635 Regolamento d’esecuzione delT.U.L.P.S.(art. 204);
  3. D.P.R. 24 luglio 1977 n. 616 (art. 19);
  4. Legge 7.8.1990 n. 241 (art. 19);
  5. D.Lgs. 31.3.1998 N. 112;
  6. DPR 28.05.2001 n. 311.

Prerequisiti

  • Essere esenti da una qualsiasi causa ostativa prevista negli artt. 11 e 92 delT.U.L.P.S.approvato con R.D. 18.06.1931 n°773 (carichi pendenti);
  • Essere esenti da una qualsiasi causa di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’art.10 della L.31.05.1965 n°575 (antimafia).

Ad esclusione delle agenzie matrimoniali, recupero crediti, pubblici incanti e pubbliche relazioni, per le quali è competente la Questura, l’attività si esercita previa presentazione al Comune della segnalazione certificata d’inizio attività (S.C.I.A.), da parte del titolare (in caso di Ditta individuale) o del legale rappresentante (in caso di Società/Ente/Associazione)

Cosa occorre

L’interessato deve inoltrare allo Sportello Unico del Comune apposita segnalazione certificata d’inizio attività, utilizzando il modello specifico (…), previo pagamento dei diritti di istruttoria.

Istruzioni

Il modello specifico (…) deve essere compilato in ogni parte, avendo cura di contrassegnare tutte le caselle di interesse e di indicare i dati richiesti.
Al modello va allegata:

  1. Copia fotostatica di un documento d’identità quando la firma sullo stesso non è apposta in presenza del dipendente comunale incaricato al ricevimento;
  2. Copia del tariffario compensi (l’originale è soggetto ad imposta di bollo);
  3. Registro degli affari giornalieri, da far vidimare (per tale richiesta va compilato l’Allegato 3 in fondo al modello, completo del numero di marche da bollo necessarie: 1 marca da apporre ogni 100 fogli del registro).

L’attività può essere iniziata dal giorno in cui si presenta la S.C.I.A.in Comune. La S.C.I.A.ha validità illimitata. È fatto obbligo al dichiarante di comunicare ogni modifica o l’eventuale cessazione dell’attività, barrando e compilando rispettivamente il Quadro 2 VARIAZIONE NELL’ESERCIZIO DELL’ATTIVITA’ o il Quadro 3 CESSAZIONE ATTIVITÀ del modulo.
Per l’agenzia di autoveicoli usati è necessario ilC.P.I., quando la superficie lorda dei locali supera i 400 mq o vi siano più di n. 9 autoveicoli nei locali.

Nota

Altri tipi di agenzie di competenza di altri Enti

  • Questura: recupero crediti, pubblici incanti, matrimoniali, pubbliche relazioni, scommesse (art. 88T.U.L.P.S.), commercio/fabbricazione e mediazione di oggetti preziosi (art.127T.U.L.P.S.);
  • Provincia:viaggio e turismo, disbrigo pratiche automobilistiche e nautiche (L. 264/1991);
  • Registro Naz. Stampa c/o Presidenza Consiglio Ministri:stampa ( L. 416/1981).

I locali utilizzati per l’esercizio dell’attività DEVONO essere in regola con tutte le norme in materia urbanistica, edilizia, ambientale, igienico-sanitaria, sicurezza e prevenzione incendi.