I comuni rappresentati

Data ultimo aggiornamento

Lunedì, 22 Luglio 2013

Agriturismo

Definizione

Per Attività agrituristiche si intendono le attività di ricezione e ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli (anche nella forma di società di capitali o di persone) oppure associati fra loro, attraverso l’utilizzazione della propria azienda in rapporto di connessione con le attività di coltivazione del fondo, di silvicoltura e di allevamento di animali. L’azienda agrituristica si definisce per tipologia e servizi offerti.

Normativa

  1. Legge 20/02/2006 n.96″Disciplina dell’agriturismo”;

  2. Regolamento Regionale 06/05/2008 n.4″Attuazione della legge regionale 08/06/2007 n.10″;

  3. Legge Regionale 5 dicembre 2008, n. 31″Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale”(Titolo X);

  4. D.d.c. 2 febbraio 2009 n.790 – Direzione Centrale Programmazione Integrata – Approvazione degli schemi di dichiarazione e dei relativi allegati in attuazione della Delib.G.R. 3 dicembre 2008, n. 8/8547″Semplificazione amministrativa in attuazione della L.R. 2 febbraio 2007, n. 1, art. 5 – Semplificazione dei procedimenti per l’avvio di attività economiche – 3º provvedimento”.

Prerequisiti

L’imprenditore agricolo che intende svolgere attività agrituristica deve aver richiesto ed ottenuto dalla Provincia nel cui territorio viene svolta l’attività agricola:

  1. Il Certificato di connessionedell’attività agrituristica con quella agricola;
  2. L’iscrizione nell’Elenco degli Operatori Agrituristici.

Relativamente al possesso dei requisiti soggettivi, si precisa che, in base all’art. 6 della Legge n. 96/2006, l’esercizio dell’attività agrituristica non è consentito, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione, a:

  1. Coloro che hanno riportato nell’ultimo triennio, con sentenza passata in giudicato, condanna per uno dei delitti previsti dagli articoli 442, 444, 513, 515 e 517 del codice penale, o per uno dei delitti in materia di igiene e di sanità o di frode nella preparazione degli alimenti previsti da leggi speciali;
  2. Coloro che sono sottoposti a misure di prevenzione ai sensi della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, e successive modificazioni, o sono stati dichiarati delinquenti abituali.

Cosa occorre

Occorre presentare alloSportello Unico del Comune ove ha sede l’immobile destinato all’attività agrituristica laDichiarazione di Avvio Attività (D.A.A.), compilando obbligatoriamente il modello specifico (…). Al suddetto modulo va allegata fotocopia di un documento d’identità del dichiarante (qualora la firma non sia apposta in presenza del dipendente comunale addetto al ricevimento).

Istruzioni

Il modello specifico (…) deve essere compilato in ogni parte, avendo cura di contrassegnare tutte le caselle di interesse e di indicare i dati richiesti.

Nota

LaS.C.I.A.consente l’immediato avvio dell’attività agrituristica. Il comune, entro sessanta giorni dal ricevimento della dichiarazione, verifica d’ufficio la sussistenza dei presupposti e dei requisiti richiesti.
La S.C.I.A.deve essere compilata anche per comunicare:

  • La variazione e/o l’integrazione delle attività agrituristiche precedentemente dichiarate;
  • I prezzi minimi e massimi per l’anno successivo (entro il 1° ottobre di ogni anno);
  • La cessazione dell’attività.

I locali utilizzati per l’esercizio dell’attività DEVONO essere in regola con tutte le norme in materia urbanistica, edilizia, ambientale, igienico-sanitaria, sicurezza e prevenzione incendi.