I comuni rappresentati

Data ultimo aggiornamento

Lunedì, 22 Luglio 2013

Subentro Autorizzazione NCC

Definizione

Per subentro nell’autorizzazione per l’esercizio del servizio di noleggio con conducente s’intende il trasferimento della stessa dal titolare ad altra persona, purché in possesso dei requisiti prescritti per l’esercizio dell’attività.
Il subentro può avvenire:

  1. Per atto tra vivi;
  2. A causa di morte del titolare.

Normativa

  1. R.D. 18 giugno 1931 n. 773 Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza;
  2. L. 15 gennaio 1992 n. 21″Legge quadro per il trasporto di persone mediante autoservizi pubblici non di linea”;
  3. L.R. 14 luglio 2009 n. 11″Testo Unico delle leggi regionali in materia di trasporti”;
  4. Regolamento comunale per il trasporto di persone mediante automezzi pubblici non di linea (servizio di noleggio con conducente), approvato con D.C.C. 25 del 03/11/2000 e S.M.I.

Prerequisiti

1. Nel caso di subentro per atto tra vivi
L’autorizzazione è trasferita, su richiesta del titolare, a persona dallo stesso designata, purché in possesso dei requisiti prescritti per l’esercizio dell’attività, quando il titolare stesso si trovi in una delle seguenti condizioni:
  • Sia titolare di autorizzazione da cinque anni;
  • Abbia raggiunto il sessantesimo anno di età;
  • Sia divenuto permanentemente inabile o inidoneo al servizio per malattia, infortunio o per ritiro definitivo della patente di guida.
2. Nel caso di subentro per morte del titolare (“mortis causa”)
L’autorizzazione può essere trasferita ad uno degli eredi appartenenti al nucleo familiare del titolare, purché in possesso dei requisiti prescritti per l’esercizio dell’attività.

Premesso quanto sopra, il trasferimento dell’autorizzazione per atto tra vivi o”mortis causa”è subordinato al verificarsi delle seguenti condizioni:

  • Il contratto di gestione deve essere regolarmente registrato ed una copia depositata presso il competente ufficio comunale;
  • La copia della dichiarazione di successione (qualora sussista l’obbligo della sua presentazione) deve essere depositata presso il competente ufficio comunale unitamente all’indicazione dell’eventuale soggetto terzo, diverso dall’erede, a cui volturare l’autorizzazione;
  • Il cessionario o l’erede deve essere in possesso dei requisiti prescritti per l’esercizio dell’attività, ossia:
    • Patente di guida relativa alla categoria di appartenenza del veicolo destinato al servizio di noleggio con conducente;
    • Certificato di abilitazione professionale (C.A.P.) previsto dal vigente Codice della Strada;
    • Idoneità professionale (cioè iscrizione al ruolo dei conducenti di veicoli e natanti adibiti ad autoservizi pubblici presso laCamera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura di Pavia);
    • Disponibilità di rimessa per il ricovero del mezzo;
    • Età prevista dal vigente Codice della Strada per il possesso della patente di guida (alla data della domanda);
    • Non aver trasferito l’autorizzazione negli ultimi cinque anni;
    • Non aver riportato condanne irrevocabili alla reclusione in misura superiore complessivamente ai due anni per delitti non colposi;
    • Non essere stato sottoposto, sulla base di un provvedimento esecutivo, ad una delle misure di prevenzione previste dalla vigente normativa;
    • Non aver riportato condanne ai sensi degli artt. 11, 12 e 92 del R.D. 18 giugno 1931 n. 773 (T.U.L.P.S.);
    • Non avere”cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’art.10 della L.31.5.11965 n.575″ (antimafia).

Cosa occorre

Per presentare l’istanza di subentro, il soggetto che subentra ed il titolare dell’autorizzazione dovranno compilare (ognuno per le parti di propria competenza) esclusivamente il modello specifico (…)”Richiesta di subentro nell’autorizzazione per l’esercizio dell’attività di noleggio con conducente”, in competente bollo e previo pagamento dei diritti di segreteria.

Istruzioni

 

Nota

Al titolare che abbia trasferito l’autorizzazione non può esserne attribuita altra per concorso pubblico e non può esserne trasferita altra se non dopo cinque anni dal trasferimento della prima.